;">
 

hhhhhhhh

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Laconi, un palazzo per le anime di pietra
I menhir di 5000 anni fa nella casa dei marchesi Aymerich
Di LELLO CARAVANO

LACONI La nuova casa delle anime di pietra è un elegante palazzo neoclassico, un tempo dimora dei marchesi Aymerich, con la carta da parati della tappezzeria francese Dufour, due corti interne, spettacolare finestra sul paese di Sant'Ignazio, sulla Giara, sulla verdissima valle che porta alla piana e al golfo di Oristano. Le anime sono imprigionate dentro blocchi in trachite, uomini-divinità che pesano anche 15-20 quintali. Gli operai dell'impresa Casula le sollevano con una piccola gru, le adagiano per terra, le sistemano su una colata di gesso con la delicatezza che si riserva a una straordinaria opera d'arte di cinquemila anni fa, quando nelle campagne di Laconi si compì una rivoluzione: quella dell'uomo agricoltore-allevatore-cacciatore che cominciò a allineare le grandi pietre per seguire i cicli lunari in funzione delle semine. In quel momento e per la prima volta rappresentò se stesso nei menhir (parola bretone che indica una pietra lunga), celebrando così il suo trionfo. Quell'uomo non era solo. Nello stesso periodo dalla Bretagna al Caucaso altre genti sollevavano pesanti monoliti, li scolpivano e vi tracciavano dei segni: era una civiltà omogenea, europea, tutta occidentale, e anche la piccola Sardegna faceva parte di questo mondo. Genna Arrele, Cirquittus, Perda Iddocca - Stonehenge di casa nostra - collegate con i circoli megalitici del resto d'Europa, molti anni prima che sorgessero i nuraghi.
CULTO EUROPEO DELLE PIETRE FITTE Le grandi sale del palazzo con la facciata in trachite progettato dall'architetto Gaetano Cima a metà dell'Ottocento sono un cantiere. Giulio Melosu e Antonino Frongia guidano le operazioni del trasloco dei menhir: «Sono uno diverso dall'altro, bisogna prestare molta attenzione». I giovani della società che gestisce il Museo civico - Luca, Mariano, Linetta, Annarita, Marianna - sistemano il piazzale e lo ripuliscono dalle foglie. «Ce la faremo per il 18?», chiede qualcuno sulla porta d'ingresso del palazzo che si affaccia su piazza Marconi. Giorgio Murru rassicura tutti. L'archeologo, direttore del Museo delle Statue menhir, sta spendendo ogni energia per la buona riuscita dell'avvenimento, al quale ha dedicato anni di studio e ricerca. Un'impresa che sarà coronata il 18 dicembre: tra una settimana, Laconi, città di santi tra le pietre fitte, inaugurerà il Museo della Statuaria preistorica della Sardegna, la più grande e completa esposizione europea dedicata ai menhir. Sessanta sculture saranno esposte tra il piano terra e il primo piano della casa dei marchesi, acquistata e restaurata dal Comune, che ha fortemente voluto l'iniziativa (supervisione del ministero dei Beni culturali con la soprintendenza di Sassari e Nuoro). Quaranta sono in arrivo dal vecchio museo, ospitato finora nel piano basso del Municipio, dove un tempo si trovavano le carceri, altre venti saranno portate da Isili, Nurallao, Genoni, Ruinas, Villa Sant'Antonio, Allai, Samugheo.
IL PAESE DEI SANTI Laconi - piccola Assisi del Sarcidano che ospita il convento dei francescani e la casa natale di Sant'Ignazio, su santixeddu entrato nei cuori dei cagliaritani - racconterà chi erano i sardi che cinquemila anni fa abitavano questa terra luogo dell'anima e di misticismo. Celebrerà un popolo che non sapeva scrivere ma scrutava il cielo, e con l'aiuto delle pietre allineate o in circolo individuava il momento propizio per le semine. Il museo sarà la casa degli antenati. «Diventerà la casa dei sardi - spiega l'archeologo Murru - I menhir testimoniano l'impresa di quegli uomini che cominciarono a rappresentare se stessi, trasformando il capo, l'eroe in divinità, mettendo in secondo piano la Dea madre. Sarà il più importante museo a livello mediterraneo ed europeo per la qualità delle sculture esposte e perché qui è presentata l'evoluzione delle pietre, prima semplicemente sbozzate, poi con una chiara raffigurazione umana, sia maschile sia femminile. I visitatori potranno capire che il mondo dei sardi cominciò molto prima dei nuraghi ed è un mondo altrettanto straordinario».
Nella prima sala, all'ingresso, è stato sistemato un gruppo di menhir, il primo scoperto nel 1969 a Genna Arrele da un cacciatore e segnalato all'archeologo Enrico Atzeni. Sono poggiati su grandi piedistalli in acciaio, a circa un metro d'altezza, un modo per rendere merito agli artisti della preistoria e ai giganti in pietra, che venivano estratti da due cave di trachite - Mind'e Putzu e Conca Zerfalius - distanti anche due chilometri dai luoghi di insediamento. Mattoni, pietre e gesso li sostengono, mentre la terra è stata messa in superficie, per ricordare che la loro casa originaria era la campagna del Sarcidano. In un'altra sala c'è un vero affollamento di menhir, una specie di foresta. «Ho voluto creare questo senso di pieno, di bosco, perché anche questo era il messaggio che ci hanno trasmesso. A Pranu Maore, vicino a una tomba, ce n'erano tanti. Come dire: ci siamo», spiega Giorgio Murru, allievo di Giovanni Lilliu, che riveste anche il compito di cooordinatore scientifico della Fondazione Barumini sistema cultura.
SIMBOLI E MISTERI Nella sala cinque si resta incantati davanti a un'altra statua di Pranu Maore (due metri e venti di altezza), ai segni lasciati con rudimentali attrezzi di pietra sul duro blocco in trachite: gli occhi, l'uomo capovolto (che indica il trapasso verso l'aldilà), il pugnale, simbolo di rango. Le luci ben indirizzate aiuteranno i visitatori a capire quei simboli, che spiegano i misteri delle sculture di Laconi. Quella pietra gigante lavorata dall'uomo vuole ricordare che lì era sepolto un capo, un eroe, elevato a divinità. Dice anche che la civiltà dei metalli stava cambiando il mondo, che le armi scolpite (simili a quelle ritrovate nei corredi funerari) rappresentavano la forza, il potere. Dice infine che quell'agricoltorepastore preistorico sapeva disegnare, come indicano le braccia che si trasformano in compiute forme geometriche.
UMBERTO E VERSAILLES Al primo piano del palazzo è un alternarsi di menhir, mostre, eleganti sale, come quella centrale con un grande caminetto. Poi c'è quella dove dormì Umberto di Savoia, il re di Maggio. Altre stanze hanno ancora la carta da parati con immagini neoclassiche a colori che rimandano a Parigi, ci sono la Senna, i monumentidella Ville Lumiere amata dagli aristocratici, Versailles, Notre Dame, l'Arco di Trionfo. Tra i tesori riscoperti e recuperati, la carta dei Cinque continenti, che un vecchio intonaco aveva nascosto per anni. I locali si affacciano anche sulla piccola e sulla grande corte del palazzo che un tempo era anche fattoria e caseificio. Da qui lo sguardo spazia ancora più lontano: non solo il tacco e il bosco di Atza 'e Carradore, il magnifico parco con la cascata e il castello medievale, ma anche monte Sant'Antine di Genoni, il Grighine, il monte Arci dell'ossidiana. Quasi a ribadire una centralità di Laconi come luogo dell'anima. «Quell'uomo di cinquemila anni fa - aggiunge ancora Murru - aveva contatti con altre genti, viveva una globalizzazione culturale grazie a un mare amico, il Mediterraneo».
STRAORDINARIA AVVENTURA Sessanta monoliti nelle grandi stanze del palazzo dei marchesi, quasi duecento sparsi nelle campagne firmano un itinerario di grande suggestione, un salto indietro nel tempo, a cominciare da Cirquittus, un anello di sette perdas fittas (una di brillante quarzo), che le accurate ricerche degli astronomi hanno individuato come un misuratore del ciclo del sole e della luna. Un altro mistero, in parte svelato, delle anime in trachite che saranno celebrate dal 18 dicembre e che raccontano la straordinaria avventura dei sardi di cinquemila anni fa.
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Da L'unione Sarda, 10/12/2010

Commenti

avatar craba salvatore
0
 
 

Uccelliurlatori dei Nuraghi
Una luce dal passato



Cercando di invadere quanto meno i suo tempo e impegni. Scusandomi primariamente,non essendoci mai stata una conoscenza diretta,o condivisione che ne giustifichi questo suo disturbo. Vi pregherei permettendomi di proporre alla sua attenzione,e profonda conoscenza culturale. Nelle sue riconosciute competenze archeologiche. La richiesta e motivo di questo ricercato contato che voglio promuovere anche con la vostra attenzione . Si basa una sua specificità di esame ,di una scoperta storica culturale,che è stata presente nella nostra isola forse per molti millenni. Si tratta di pietre modellate ad uccelli. Che io ritrovo in grande abbondanza nel nostro territorio. Considerando che la nostra isola e integrata da sempre nel centro del mediterraneo. In questa cultura diffusa del nostro bacino. L’uccello identificato all’ora come unico tramite metafisico tra il cielo e la terra. Era sicuramente condivisa anche dai nostri lontani predecessori dell’isola di Sardegna. I diversi studi e conoscenze,delle civiltà confinanti che ci hanno preceduto. Adottavano comunemente come unico intermediario tra lo stato terreno,e quello divino il cielo. Gli uccelli,identificando in loro compiti di trasmissione e di ascolto,alle divine credenze. Di queste pietre modellate ad uccello se ne possono fare moltissimi facili ritrovamenti. Ne esistono di tutte le dimensioni. Figure modellate ad uccello,riproducevano tutte posture che gli uccelli adontavano. Accumunando però a tutte le creazioni un atteggiamento comune. Configurandoli esclusivamente con la bocca aperta. Semplificando ne risulta che fossero creati per trasmettere,per urlare come li definisco io. Le volontà terresti a quelle divine. Si compone in breve che anche i nostri avi, come altri leggessero nel volo e nel canto degli uccelli. Le volontà divine che gli dei gli facevano pervenire,con le uniche figure esistenti degli alati messaggeri. E con quelli che costruivano in pietra spedivano le loro invocazioni. Il numero delle pietre modellate e enorme,se ne deduce che le pietre configurate era mono uso. Potevano assolvere a una sola richiesta e poi venivano abbandonate sul territorio qualunque fosse. Lascio alle sue conoscenze tutte le attinenze e collegamenti che si sono potuti tramandare e modificare con i diversi cambiamenti culturali e religiosi. Lasciamo la parte culturale infinita e fascinosa che altri continueranno. E menzioniamo l’attuale. Con rammarico racconto. Che benché negli ultimi anni ho raccolto moltissimi uccelliurlatori che possono comprovare la mia teoria. Non ho trovato l’interessamento di nessuno per questa scoperta. Ritrovamenti che qualificheranno e identificherann o molte cose nuove dell’esistenza dei nostri resistenti antenati. Comunque credo che questa scoperta non potrà ancora a lungo essere conservata. La invito se lei troverà interessamento e venire a vedere le migliaia di ritrovamenti, pronti ad affrontare un esame. Ho in altra opportunità indichi o consigli chi ritiene possa trovare attenzione e intervento .Come si determina nel sito, mi preme ricordare una formula unica che qualifica l’insieme delle prove e osservazioni esposte . Soprattutto per l’incarico di un ricercatore che ha il compito di scoprire di accertare tramite l’analisi. Senza adottare la facile e contrastante presunzione di escludere prima di aver osservato. E’ importante. posso portare migliaia di prove di quello che asserisco. E nessuno canonico di rincalco può dimostrare il contrario di questa ritardata o rimandata scoperta. Si parlerà molto di questa identificazione e si scriveranno libri interi. E gli uccelliurlatori dei Nuraghi metafisicamente ritorneranno ad urlare e a descrivere la nostra identità in tutto il mondo.Non più solo l’isola dei Nuraghi,ma anche l’isola degli uccelliurlatori. Uccelliurlatori i primi assoluti imail della nostra storia. Non voglio convincere, ma provare in modo che tutti possano rendervi conto. Il legittimo dubbio accademico benché protettivo , è sempre stata una forte limitazione per la ricerca. Tenga presente che una persona meno preparata,resta anche se molte volte erroneamente, più aperta verso un innovazione. Anche se fuori luogo, molti occhi vedono meglio. Nel nostro passato tanti nel loro percorso anno lasciato tracie e messaggi sulle pietre. Tutto sta nel avere gli occhiali giusti per leggerli. Quando Edison invento la lampadina nessuno dei suoi colleghi scienziati penso che si potesse accendere. Eppure illumino il mondo. Termino nella speranza di aver allargato una possibile connessione. Con lo stesso criterio di aver buttato un’altra bottiglia in mare,con la certezza che un giorno qualcuno la ripeschi e di’seppellisca questo segreto.

Visita il sito www.uccelliurlatori.it uccelliurlatori@tiscali.it

Con osservanza

Craba Salvatore vi San Efisio n10 Bono 07011 tel 3491993121
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
URL
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
Blog molto stimolante. Su questi temi in discussione da poco ho letto parecchio, tuttavia ritengo che questo
sia unico. bye
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
URL
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
URL
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Ultimo aggiornamento Venerdì 10 Dicembre 2010 18:24  

GTranslate

Italian English French German Portuguese Russian Spanish