;">
 

hhhhhhhh

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Pozzi sacri Matzanni

L’area sacra di Matzanni si trova a 700 m. sul livello del mare, in territorio comunale di Vallermosa (CA), in prossimità del limite amministrativo dei comuni di Iglesias e Villacidro.

L’area è costituita da almeno tre pozzi sacri e un villaggio composto da circa 14 capanne. I pozzi sono stati scavati ufficialmente per la prima volta da Taramelli agli inizi del ‘900, dopodichè il sito è stato lasciato al suo lento declino e alla mercè dei tombaroli. L’ultima breve campagna di scavi risalente ad alcuni anni fa, ha portato alla luce sentieri lastricati e, davanti al pozzo 1, una serie di strutture a gradoni, di forma semilunare, dotate di basi per le offerte votive.

Pozzo 1: già scavato nell’800, in maniera non ufficiale dal Lovisato, questo pozzo ha subito maggiore accanimento da parte dei tombaroli, con la scomparsa di importanti reperti.
Ubicato a nord, su un leggero declivio, questo tempio a pozzo è costruito in opera subquadrata con blocchi di scisto di diverse dimensioni, disposti a filari irregolari. 
Ė costituito da un vestibolo di pianta rettangolare largo 2,40 m., una scala discendente e una camera ipogeica a tholos. La scala, in gran parte crollata, era costituita da 12 gradini, presenta sezione ogivale ed è leggermente spostata verso nord rispetto al centro della camera. Quest’ultima, parzialmente crollata, è invasa dall’acqua e dalle macerie ed è alta circa 3,50 m.

Pozzo 2: distante circa 50 m. dal precedente, è composto da un vestibolo, una scala discendente e una camera ipogeica a tholos; l’atrio e la scala sono completamente interrati, mentre la camera ha la copertura crollata ed è ingombra di macerie, acqua e rovi. La sua struttura è simile a quella del primo pozzo.

Pozzo 3: ubicato a circa 300 m. di distanza dagli altri due, è realizzato con blocchi di scisto di grandi dimensioni in opera subquadrata, disposti a filari irregolari. È costituito da un vestibolo lungo 3,20 m. di pianta trapezoidale pavimentato con lastre di scisto, dalla scala e dalla camera ipogeica. Il vano scala è di pianta trapezoidale, coperto da lastroni disposti a gradoni; le scale in gran parte crollate contavano 14 scalini.
La camera presenta la tholos crollata, è ingombra di materiale di crollo e si conserva per un’altezza di circa 3 m.

Nell’area circostante i pozzi 1 e 2, si trova un recinto litico; inoltre nel terreno sono presenti diversi affossamenti di forma circolare (di uno è visibile parte della struttura muraria ) che farebbero pensare alla presenza di altri pozzi; purtroppo, senza un’adeguata valorizzazione del sito, non scopriremo mai quanti altri importanti segreti esso nasconda.

Per quanto riguarda i reperti, presso i templi a pozzo sono stati rinvenuti: armi, pilastrini, altarini, un betilo torre e un bronzetto dal volto orientale noto come “Barbetta” che portava in offerta una focaccia e una ciotola.

Non lontano dall’area sacra è presente il tempio punico di Genn’e Cantois.

Gallery
Click to Open

Commenti

B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
URL
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
 

GTranslate

Italian English French German Portuguese Russian Spanish