;">
 

hhhhhhhh

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Chiesa Santa Caterina

La chiesa di Santa Caterina, distante poco più di 1 km. dal centro abitato di Elmas (CA), è situata tra lo scalo aeroportuale e la ferrovia, a pochi passi dallo stagno di Santa Gilla.
L’edificio è stato costruito, intorno al XI secolo, dai monaci benedettini dell’ordine di San Vittore di Marsiglia, che con il beneplacito del Giudice (dapprima di Torchitorio di Gunale e poi di suo figlio Costantino di Gunale) e delle autorità ecclesiatiche, costruirono la chiesa sulle rovine di una preesistente chiesa bizantina, all’interno del villaggio di Semelia.
Quest’area è molto interessante storicamente, non solo per il periodo medievale, ma altresì per le numerose frequentazioni delle età nuragiche, fenice, puniche e romane (ad alcuni metri di distanza dalla chiesa si trova un pozzo cisterna romano).

La chiesetta si trova al centro di un grande casolare, circondata da un vasto cortile e da is cumbessias (nel medioevo le strutture dovevano ospitare gli alloggi dei monaci), nelle quali venivano accolti i pellegrini.
L’edificio ha impianto ad unica navata con tre arcate. La copertura è a capriate lignee (rimaneggiata negli anni '90), mentre l’abside di larghezza quasi uguale all’aula, contribuisce a dare la sensazione di ampiezza ad un interno di non grandi dimensioni.

La facciata mostra il portale con arco a sesto ribassato sormontato da una finestrella rettangolare, unica fonte di luce per l’interno della chiesa; inoltre è presente il campanile a vela di recente rifacimento. Vicino al portale d’ingresso sono visibili dei capitelli corinzi, insieme a basi e frammenti di colonne romane; questi reperti provengono dai terreni circostanti la chiesa.
Dietro l’abside sono state rinvenute alcune tracce delle fondamenta della chiesa primitiva.

All’interno dell’edificio, alla destra del portale, si nota una piccola nicchia a ogiva, murata in passato e rinvenuta durante i lavori di scavo, nella quale è stata ritrovata la statua lignea della Madonna Immacolata. Nella parete sinistra, invece, è presente un oculo rivolto verso la costruzione che affianca la chiesa e che al tempo dei monaci doveva costituire l’ossario.

La chiesa ha subito numerosi rimaneggiamenti (diversi dei quali ben visibili) nel corso dei secoli; dell’impianto originale permangono l’abside, l’ingresso e il pavimento.

Gallery
Click to Open

Commenti

B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
URL
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
 

GTranslate

Italian English French German Portuguese Russian Spanish