;">
 

hhhhhhhh

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Mont’e Prama, tomba nuragica inviolata

di Francesca Mulas

Sensazionale scoperta a Mont’e Prama: gli archeologi nei giorni scorsi hanno aperto una delle tombe a pozzetto della grande necropoli e hanno trovato una sepoltura ancora inviolata. Dentro il pozzetto verticale c’è uno scheletro ancora nella stessa postura della deposizione. Lo scavo è ancora in corso, pare per ora che non ci sia alcun corredo funebre di accompagnamento, mancano pero’ alcuni centimetri di terra da scavare e l’ indagine potrebbe riservare grandi sorprese.  Sul posto è arrivata Ornella Fonzo, antropologa, che insieme alla collega Elsa Pacciani ha studiato già le ossa degli individui trovate dagli archeologici degli anni 1977 e 1979. È ancora presto per capire chi era il defunto venuto alla luce nei giorni scorsi, dato che lo scheletro è ancora dentro la tomba, pare per ora che sia integro anche se le ossa sembrano corrose dal contatto con terra e umidità.
Potremmo trovarci  davanti a un altro giovane: i 41 individui già studiati da Fonzo  e Pacciani  erano quasi tutti maschi, di giovane età in buone condizioni fisiche, come se fossero dediti a un allenamento continuo da lavoro o esercizio militare. Non è l’unica sorpresa dal sito: vicino alle tombe, in strati di terra non contaminati da interventi successivi, sono stati trovati piccoli frammenti di un  calcare che a una prima analisi sembra simile a quella delle statue: l’idea e’ siano frammenti di lavorazione, come se le sculture fossero state create sul posto e non arrivate da un’officina lontana. Se confermata potrebbe essere una prova della contemporaneità  tra le tombe e le statue: quello della cronologia è ancora uno dei dilemmi più grandi attorno al sito di Mont’e Prama.
Proseguono accanto agli scavi delle tombe anche le indagini sull’edificio circolare a pochi metri dalla necropoli: le ceramiche trovate in frammenti suggeriscono che si tratti di capanne nuragiche usate in diversi momenti dell’età del Ferro, intorno ai secolo X è IX. Una di queste, particolarmente grande e in posizione  isolata, potrebbe essere secondo  Alessandro Usai, direttore scientifico  dello scavo, un edificio ‘cerimoniale’, riservato a riunioni e celebrazioni civili o religiose.

da Sardiniapost, 15/10/2015 


Commenti

B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
URL
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Ultimo aggiornamento Giovedì 15 Ottobre 2015 19:58  

GTranslate

Italian English French German Portuguese Russian Spanish