;">
 

hhhhhhhh

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri


Tomba dei giganti, Punta Serucci


Sull’alto colle chiamato Punta Serucci, a circa 170 m. di distanza dal villaggio nuragico omonimo, sorge una tomba dei giganti. Essa appare danneggiata; la causa è da ricondurre ai saccheggi dei tombaroli e allo scarso interesse, presente già in tempi antichi, per i beni storici. Solo alcune  parti del corridoio sono visibili, mentre la restante struttura è completamente ricoperta dalla vegetazione.


La sepoltura era stata studiata dal Taramelli agli inizi del 1900; dagli scavi emerse che questa era costruita con blocchi di trachite,ma ormai priva di copertura e sfondata sul lato est della parete. Il corridoio originario della cella era lungo all’incirca 10,50 m. e largo 1 m. circa ; ai due lati della cella si stendevano le due ali curvilinee aventi la larghezza dell’apertura di 12, 40 m. mentre l’altezza conservata era di 1,20 m. (immagine tratta da Taramelli A., "Scavi e scoperte 1911-1917", in Sardegna archeologica, Carlo Delfino editore, Sassari, p.394)



Oggi, da quel poco ancora visibile, l’ampiezza totale della tomba non supera i
2 m. e l’altezza rimasta (nei punti più elevati) è di circa 1 m.





Dal sito è possibile abbracciare con lo sguardo il vicino villaggio nuragico di Serucci e la sua reggia.

Commenti

B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
URL
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
 

GTranslate

Italian English French German Portuguese Russian Spanish